Dal 15 ottobre alle ore 13.00, per il tempo strettamente necessario, saranno sospesi i servizi:

- "Certificati Facili - Prenotazione e stampa diretta"

- "Iscrizione fuori termine nidi d'infanzia/spazi gioco educativi"

causa avvio del nuovo programma gestionale di tutti i Servizi Demografici.

 

Bando 2016 per l'assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica - aggiornamento anno 2017

Bando 2016 per l'assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica - aggiornamento anno 2017

Ufficio: Direzione Patrimonio - Servizio Casa - P.O. Sostegno all'Abitazione
Referente: A.S. Lucia Romagnoli
Responsabile: Dott.ssa Lucia Dallai
Indirizzo: via dell'Anguillara 21
Tel: 055 055
Fax: 055/2769701
E-mail: sostegnocasa@comune.fi.it;

Descrizione

  

 

 

AGGIORNAMENTO ANNO 2017 DEL BANDO GENERALE ERP 2016

Dal 3 ottobre 2017 al 3 dicembre 2017 riaprono i termini del Bando Generale ERP svolto nel 2016.
La modalità di presentazione della domanda di partecipazione all'aggiornamento 2017 del Bando ERP 2016 è sempre online (vedi allegati).

 

Il link per presentare la domanda è: https://servizionline.comune.fi.it/bandoerp/node/33


Chi può presentare domanda?

-    i nuclei familiari che NON hanno presentato la domanda nel periodo settembre – novembre  2016;

-    i nuclei familiari che sono già inseriti nella Graduatoria Definitiva relativo al Bando ERP 2016 e che vogliono aggiornare la loro domanda in seguito a fatti ed eventi che non erano stati già autocertificati nella domanda presentata (ad esempio: certificazione di invalidità riconosciuta nel corso del 2017, ecc.).

-    i nuclei familiari che hanno presentato già domanda nel periodo settembre-novembre 2016 e che al momento di presentazione delle domande di aggiornamento (ottobre-dicembre 2017) risultano esclusi dalla graduatoria ERP per mancanza di requisiti previsti dal Bando.



Attenzione:

1.I nuclei familiari che sono stati ammessi alla Graduatoria Definitiva del Bando ERP 2016 che non presentano le condizioni per poter richiedere un incremento dei punteggi già autocertificati NON dovranno partecipare all’aggiornamento 2017 del Bando ERP 2016;

2.L’attribuzione del punteggio relativo alla presenza in graduatoria verrà effetuato direttamente dal Servizio Casa;

3.La partecipazione al Bando ERP 2016 – aggiornamento 2017 comporta in ogni caso il pagamento della marca da bollo di €  16,00 tramite bollettino postale;

4.I nuclei familiari che sono stati ammessi alla Graduatoria Definitiva del Bando ERP 2016  e che ripresenteranno domanda di partecipazione per l’aggiornamento nel 2017, dovranno essere in possesso dei requisiti previsti dall’aggiornamento anno 2017 del Bando ERP 2016. ATTENZIONE: si specifica che la verifica dei punteggi richiesti in fase di presentazione della nuova domanda sarà effettuata dal Servizio Casa secondo quanto previsto dal Bando ERP 2016 - aggiornamento 2017, alla data della sua pubblicazione (3 ottobre 2017).

 


Si informa che fino a quando non sarà concluso il Bando ERP aggiornato al 2017, le assegnazioni di alloggi ERP seguiranno la Graduatoria Definitiva pubblicata il 10 aprile 2017 e riportata nella sezione "allegati".

Requisiti del richiedente

Ai sensi dell’art. 5 del regolamento ERP la procedura di assegnazione di un alloggio di edilizia residenziale pubblica avverrà con le seguenti modalità:

1)       Gli alloggi di E.R.P. disponibili sono assegnati secondo l’ordine delle domande nella graduatoria definitiva Bando ERP 2016.

2)       Per l’assegnazione il Servizio Casa dovrà procedere all’accertamento della sussistenza dei requisiti di accesso all’E.R.P. e delle condizioni che attribuiscono i punteggi ai nuclei che risultano collocati in posizione utile nella graduatoria. I requisiti e le condizioni devono sussistere alla data di presentazione della domanda e alla data di verifica per l’assegnazione.

3)       Il nucleo familiare verrà convocato dal Servizio Casa per telegramma e per posta elettronica e nella convocazione, sarà indicato il giorno e l’ufficio dove l’interessato, o persona da questi delegata, dovrà presentarsi per la verifica dei requisiti, dei relativi punteggi e per l’eventuale esperimento del procedimento di controllo, preliminare alla proposta di assegnazione dell’alloggio. La procedura dell’intera verifica dei requisiti dovrà obbligatoriamente concludersi entro 30 giorni dalla data di convocazione contenuta nel telegramma. Eventuali differimenti rispetto al termine fissato riguarderanno esclusivamente rapporti tra Pubbliche Amministrazioni.

4)       Qualora l’interessato non si presenti nel giorno e nell’ora indicati nella convocazione, viene diffidato a presentarsi con ulteriore telegramma in cui verrà individuata data, ora e luogo della seconda convocazione. Nel caso la persona non si presenti alla convocazione del secondo telegramma la domanda verrà esclusa dalla graduatoria.

5)       Qualora in esito all’istruttoria la domanda venga diminuita nel punteggio o venga esclusa dalla graduatoria per assenza dei requisiti di accesso di cui all’Allegato A della legge Regionale o in esito ai controlli di cui all’art. 4 del presente Regolamento, il richiedente ha facoltà di presentare ricorso alla Commissione ERP e Mobilità nel termine di 10 giorni.

6)       Dopo la verifica della permanenza dei requisiti di accesso all’E.R.P. e delle condizioni che hanno determinato la posizione in graduatoria del nucleo familiare, presupposto per l’assegnazione, il Servizio Casa procederà ad individuare l’alloggio, prendendo in considerazione – per quanto possibile - sia i bisogni e necessità rappresentate da parte del nucleo familiare che in relazione all’obiettivo dell’equilibrio sociale delle assegnazioni negli stabili di E.R.P..

7)       In esito alla verifica requisiti e condizioni l’interessato o il suo delegato è ulteriormente convocato in altra data per la scelta dell’alloggio fra quelli disponibili. Sulla base dei dati relativi al nucleo familiare ed ai bisogni abitativi espressi da richiedente nella suddetta fase istruttoria è individuato e proposto tra gli alloggi disponibili, di standard abitativo idoneo, quello meglio rispondente alle esigenze del nucleo familiare.

8)        A conclusione di tutte gli adempimenti, il Servizio Casa – con proprio atto – deciderà l’assegnazione dell’alloggio all’interessato, comunicandolo allo stesso e all’Ente Gestore.

9)       Sulla base del provvedimento di assegnazione, l’Ente gestore provvede alla convocazione dell’assegnatario per la consegna dell’alloggio e la stipula del relativo contratto di locazione. L’assegnatario, che previa diffida dell’Ente gestore, non sottoscriva il contratto di locazione e non provveda ad assumere in consegna l’alloggio è dichiarato decaduto dall’assegnazione.

10)  Per le finalità del procedimento di assegnazione rimane cura e responsabilità del nucleo familiare richiedente comunicare formalmente (fax - PEC – raccomandata) le variazioni di indirizzo recapito telefonico, al fine di permettere lo svolgimento della procedura di assegnazione. Qualora le variazioni suddette non siano state comunicate e dopo ordinarie ricerche gli interessati non siano contattabili, si procede alla convocazione del nucleo familiare mediante notifica all’ultimo indirizzo comunicato contenente il termine perentorio a presentarsi entro sette giorni, pena l’esclusione dalla graduatoria.

11)  Gli assegnatari possono rinunciare all’alloggio ad essi proposto soltanto per gravi e documentati motivi sanitari certificati. In caso di rinuncia non adeguatamente motivata, il Comune territorialmente competente procederà all’ esclusione dalla graduatoria. In caso di rinuncia giustificata l’interessato non perde il diritto all’assegnazione ed alla scelta degli alloggi che si rendano disponibili.

12)  L’alloggio dovrà essere stabilmente occupato dall’assegnatario entro massimo trenta giorni – per i residenti all’estero massimo 60 giorni –  prorogabili una sola volta per gravi e giustificati motivi;

13)  La mancata occupazione dell’alloggio dell’intero nucleo assegnatario entro i termini stabiliti nel precedente comma comporta la decadenza dall’assegnazione, come previsto dall’art. 35, co. 2, lett. g)  Legge Regionale.

 

Modalità di richiesta

Avvertenze

Normativa di riferimento

Legge regionale n. 96/1996 modificata dalla Legge regionale n. 41/2015
Regolamento di attuazione approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 63/2015

Ultimo aggiornamento: Martedì, 17 Ottobre 2017

FEEDBACK



Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *