Riscossione Coattiva: Iter Procedura

Descrizione

La riscossione coattiva viene attivata quando le somme dovute al Comune per entrate, sanzioni ed interessi non vengono versate dal contribuente entro i termini indicati nell'atto originario.

Il recupero del credito prevede 4 fasi a cui corrisponde un progressivo maggiore onere per l’utente.

Iter procedura

1. SOLLECITO

In questa fase il Comune di Firenze, prima di attivare ulteriori strumenti di riscossione coattiva, può decidere se recapitare, tramite servizio postale, un atto contenente l’indicazione di tutte le somme, suddivise per tipologia di entrata, che il soggetto deve ancora saldare.

Gli importi riportati nel sollecito sono gli stessi di quelli contenuti negli atti originari che non risultano pagati. Pertanto, se il soggetto destinatario dell’avviso effettua il versamento di quanto dovuto entro 30 giorni dal ricevimento del sollecito, non dovrà pagare alcun onere aggiuntivo (interessi, costi amministrativi e postali).

E' possibile richiedere una revisione del sollecito esclusivamente Online, compilando i moduli accessibili da menu "Link esterni", alla voce "Riscossione Online".
In questa fase non è prevista alcuna forma di rateizzazione.

 

2. INGIUNZIONE DI PAGAMENTO

In questa fase il Comune di Firenze notifica un atto contenente l’indicazione di tutte le somme afferenti ad un’unica tipologia di entrata comunale che il soggetto risulta non aver ancora pagato.

In tale atto, oltre alle somme dovute, sono conteggiati:
▪ gli oneri relativi ad interessi maturati fra la data in cui è stato definito il credito (ad es. 60 giorni dalla notifica dell’accertamento tributario) o le maggiorazioni di legge (ad es. 60 giorni dall’ avvenuto ricevimento del verbale per sanzioni al codice della strada);
▪ le spese di spedizione fino a quel momento sostenute dall’amministrazione comprese quelle relative alla spedizione del sollecito e alla notifica della stessa ingiunzione,
▪ le spese amministrative (stabilite all’art. 5  del regolamento della riscossione in 15 euro).

Il termine di pagamento è di 30 giorni dalla avvenuta notifica dell’ingiunzione di pagamento.

E' possibile richiedere una revisione, o una rateizzazione del pagamento della somma dovuta, esclusivamente Online, compilando i moduli accessibili da menu "Link esterni", alla voce "Riscossione Online".

 

3. AZIONE CAUTELARE

In questa fase il Comune di Firenze decide quale azione intraprendere al fine di recuperare i propri crediti che non risultano riscossi nelle due fasi precedenti.

Al tal fine possono essere attivate una o più azioni cautelari previste dalla legge quali: iscrizione di  fermo amministrativo su un bene mobile registrato (auto, moto); ipoteca legale su un immobile di proprietà.

Prima di attivare una azione cautelare ne sarà data opportuna e preventiva conoscenza al debitore secondo quanto prescritto dalla normativa.

In tale fase, oltre alle somme riportate nell’ingiunzione di pagamento, saranno conteggiati:

▪ gli oneri relativi ad interessi maturati fra il termine di pagamento dell’ingiunzione fiscale (30 giorni dalla notifica) e la data di invio dell’atto che avvia la procedura cautelare;
▪ le spese di spedizione fino a quel momento sostenute dall’amministrazione comprese quelle relative alla notifica dello stesso atto di avvio della procedura cautelare,
▪ le ulteriori spese amministrative (stabilite all’art. 5  del regolamento della riscossione in 25 euro);
▪ la spesa inerente l’attivazione della procedura cautelare.

E' possibile richiedere informazioni Online, compilando i moduli accessibili da menu "Link esterni", alla voce "Riscossione Online".

 

4. AZIONE ESECUTIVA

Questa è l’ultima fase della procedura di riscossione coattiva.

Il Comune di Firenze tramite il proprio Funzionario della Riscossione, provvede ad attivare una azione esecutiva al fine di recuperare l’intero credito relativo ad un soggetto.

Varie sono le azioni esecutive che possono essere intraprese: il pignoramento presso terzi con il quale si recupera il credito agendo direttamente su un soggetto che ha una relazione di natura economica  con il soggetto debitore (datore di lavoro, rapporto di conto corrente bancario, ecc.); espropriazione immobiliare con successiva vendita. 

In tale fase, oltre alle somme riportate nell’atto cautelare, saranno conteggiati:

▪ gli oneri relativi ad interessi maturati fra il termine di pagamento previsti nell’atto di procedura cautelare e la data di avvio della procedura esecutiva;
▪ le spese di spedizione fino a quel momento sostenute dall’amministrazione comprese quelle relative alla notifica di tutti gli atti necessari all’attivazione della procedura esecutiva;
▪ la spesa inerente l’attivazione della procedura esecutiva.

ATTENZIONE: Gli atti relativi all’azione esecutiva non sono preceduti da ulteriori preavvisi e i costi sostenuti dal Comune saranno interamente addebitati.

E' possibile richiedere informazioni Online, compilando i moduli accessibili da menu "Link esterni", alla voce "Riscossione Online".

Riferimenti e contatti

Ufficio
Direzione Risorse Finanziarie - Servizio Riscossione Coattiva, Contenzioso e Recupero Evasione Fiscale
Referente
P.O. Riscossione coattiva
Responsabile
Guidi Alessandro
Indirizzo
Via del Parione n. 7 - 50123 FIRENZE
Tel
055 055
E-mail
inforiscossione@comune.fi.it

FEEDBACK



Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *






Servizi