IMU - Rimborso

IMU - Rimborso

Ufficio: Direzione Risorse Finanziarie - Servizio Entrate
Referente: P.O. Gestione IMU, TASI, TARI e Pubbliche Affissioni
Responsabile: Nantele Francesco
Indirizzo: Via del Parione n. 7 - 50123 FIRENZE
Tel: 055055 - Call Center del Comune di Firenze
Orario di apertura: Lunedì e venerdì dalle ore 9 alle ore 13 - Martedì e giovedì dalle ore 15 alle ore 17 - Nel mese di agosto solo il lunedì e venerdì dalle ore 9 alle ore 13

Descrizione

IL RIMBORSO IMU

Nel caso in cui il contribuente abbia pagato delle somme a titolo di IMU che in realtà sono in eccesso o che ritiene non dovute, può avanzare istanza di rimborso al Comune per:

  • avere la restituzione delle stesse

oppure

  • per ottenere la possibilità di compensare il proprio credito sui successivi versamenti d’imposta.

Iter procedura

La procedura di rimborso è su istanza di parte e prevede la presentazione, da parte del contribuente interessato, di una apposita domanda utilizzando il modello (con relative istruzioni di compilazione) che si trova nella colonna posta nella parte sinistra di questa pagina, nella sezione “MODULISTICA”.
L’istanza di rimborso può essere presentata entro 5 anni decorrenti dalla data del versamento eccedente effettuato.  
Si ricorda che è obbligatorio motivare la domanda; allegare eventuali documenti a sostegno della stessa; scegliere fra rimborso o compensazione (nel caso in cui si opti per la restituzione con accredito sul proprio conto bancario, indicare l’IBAN e l’intestatario del conto corrente).

Avvertenze

Nell’ipotesi in cui il contribuente abbia effettuato per errore il versamento IMU a un Comune diverso da quello a cui le somme dovevano essere versate, deve informare il Comune al quale ha pagato le somme non dovute, il quale attiva le procedure più idonee per il riversamento al Comune competente delle somme indebitamente percepite. Nella sua comunicazione il contribuente deve indicare la data nella quale ha effettuato il versamento, insieme all’importo versato, i dati catastali dell’immobile a cui si riferisce il versamento, nonché il Comune destinatario delle somme e quello che ha ricevuto per errore il versamento.

Infine, in caso di versamento con erronea indicazione del “codice catastale” del Comune destinatario del versamento sul modello F24, secondo le indicazioni date dal Dipartimento delle Finanze con la risoluzione n. 2/DF del 2012, se l’intermediario (banca o posta) presso il quale è stato presentato il modello F24 per il pagamento, ha riportato in maniera errata il codice catastale del Comune dove si trova l’immobile, il contribuente può chiedere all’intermediario stesso l’annullamento del modello F24 e inviarne uno nuovo con i dati corretti.
In tali casi, quindi, il contribuente deve rivolgersi direttamente presso la banca o lo sportello postale dove si è effettuato il versamento e deve informare il Comune interessato dell’avvenuta operazione di correzione.

Ultimo aggiornamento: Venerdì, 20 Luglio 2018

FEEDBACK



Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *