Canone Patrimoniale Esposizioni Pubblicitarie (CPEP)

Descrizione

Ai sensi dell'art.1 comma 816 Legge n.160 del 27 dicembre 2019 l'Amministrazione Comunale di Firenze ha istituito con regolamento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. DC/2021/00013 del 31/03/2021 il Canone Patrimoniale Esposizioni Pubblicitarie (CPEP) in sostituzione, a decorrere dall'1/1/2021, del Canone di Installazione Mezzi Pubblicitari (CIMP).

Modalità di richiesta

 

AUTORIZZAZIONI - RILASCIO, CANCELLAZIONI, VOLTURAZIONI, VARIAZIONI

Tutti i mezzi pubblicitari (anche quelli eventualmente esenti dal Canone) possono essere installati soltanto quando si è in possesso dell’apposita autorizzazione, se dovuta.

Tutte le pratiche autorizzatorie (rilascio, volturazioni, variazioni, cancellazioni parziali o totali delle autorizzazioni stesse) sono di esclusiva competenza della
DIREZIONE ATTIVITA’ ECONOMICHE SUAP Piazza Artom, 17-18 - 50127 Firenze.

Le dichiarazioni di cessazione dovranno essere consegnate entro il 31 Gennaio di ciascun anno di riferimento.

Le cancellazioni e le altre variazioni saranno comunicate d'ufficio dalla Direzione Attività Economiche alla Direzione Risorse Finanziarie.
Gli utenti, in questi casi, non dovranno effettuare alcuna ulteriore comunicazione diretta alla Direzione Risorse Finanziarie.
Per modalità ed ulteriori informazioni si rimanda alla pagina " SUAP – Sportello Unico Attività Produttive ", accessibile dal menu a destra "Link esterni”.


 

Requisiti del richiedente

DA CHI E' DOVUTO

E’ soggetta al canone patrimoniale esposizioni pubblicitarie la diffusione di ogni messaggio pubblicitario, effettuata in qualsiasi forma visiva o acustica, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, o che sia percepibile da tali luoghi (art. 33 comma 3).
Il canone è dovuto dal titolare dell’autorizzazione ovvero, in mancanza, dal soggetto che effettua la diffusione dei messaggi pubblicitari in maniera abusiva; per la diffusione di messaggi pubblicitari, è obbligato in solido il soggetto pubblicizzato (art. 34 comma 1).

Documentazione da presentare

- Tutti devono essere in possesso dell'autorizzazione prima dell'esposizione pubblicitaria;
- Coloro che intendono usufruire delle previste riduzioni del Canone patrimoniale esposizioni pubblicitarie (CPEP) devono presentare idonea documentazione a dimostrazione che la riduzione compete. Anche coloro che rientrano nelle fattispecie di esenzione dovranno documentare questa loro condizione.

Costi

Per visualizzare le tariffe attualmente in vigore, cliccare sul collegamento sulla destra (nella sezione "Allegati").

MEZZI PUBBLICITARI INSTALLATI SU BENI PRIVATI

I mezzi pubblicitari di cui alle tariffe:
- cartello, trompe l'oeil di particolare pregio artistico, gigantografia su parete cieca, impianto pubblicitario speciale, impianto su arredo urbano, impianto di affissione diretta, stendardo, gonfalone, tipologie pubblicitarie non previste;
- pubblicità su ponteggio, gigantografia artistica e pubblicitaria;
- insegna d'esercizio, targa, vetrofania;
installati su beni privati, usufruiscono della riduzione del 33% rispetto a quelli installati su beni pubblici.

ESENZIONI E AGEVOLAZIONI

Alcuni Enti Pubblici sono esenti dal canone patrimoniale esposizioni pubblicitarie, altri Enti e Associazioni senza scopo di lucro, possono, a determinate condizioni, usufruire delle riduzioni tariffarie previste. Tuttavia, poiché i casi sono molteplici e dettagliati, si rinvia al regolamento comunale in materia (art. 41 e 42).

Tempi

 

TERMINI DI PAGAMENTO PER MEZZI PUBBLICITARI TEMPORANEI E PER QUELLI PERMANENTI LIMITATAMENTE AL PRIMO ANNO SOLARE

Per i mezzi pubblicitari oggetto di Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) il canone dovuto verrà richiesto tramite posta elettronica certificata o in subordine a mezzo di raccomandata A/R ad eccezione di quanto prescritto al comma 14 art. 44 del regolamento. L’interessato dovrà effettuare il  versamento entro e non oltre 30 giorni dal ricevimento della richiesta.

Ad eccezione delle installazioni temporanee da presentare tramite SCIA, per le esposizioni pubblicitarie temporanee il pagamento va effettuato anticipatamente alla data di esposizione.
Non sono consentite rateazioni di pagamento.

TERMINI DI PAGAMENTO PER MEZZI PUBBLICITARI PERMANENTI PER GLI ANNI SOLARI SUCCESSIVI AL PRIMO

 

Il termine ultimo  di pagamento del CPEP per i mezzi pubblicitari permanenti per la sola annualità 2021 - stante la  situazione emergenziale legata al COVID 19 - è stabilito al 30 settembre 2021.

Si ricorda che, in caso di mancato recapito prima del termine di scadenza, occorre effettuare comunque il versamento dovuto.

Si ricorda che, trattandosi di un canone e non di un tributo, qualora il termine di versamento coincida con un sabato, detto versamento del CPEP deve essere effettuato entro sabato, senza alcun slittamento al lunedì successivo.

 

MODALITA' DI PAGAMENTO

§                                 - versamento presso gli sportelli postali, le tabaccherie, le ricevitorie ed i supermercati abilitati al PagoPA utilizzando il modello di pagamento rilasciato o spedito dall’Ufficio Canoni;

§                                 - accedendo al sito PagoPA, tramite link dal menu a destra sotto la voce "link esterni", e pagando online sul servizio di Pagamento Avviso Predeterminato. In tal caso l’interessato  dovrà solo inserire il proprio Codice Fiscale e l’Identificativo Univoco di Versamento che equivale al Codice Avviso, che si trova sul modello PagoPA, e potrà poi procedere con il pagamento con la classica modalità di PagoPA, ossia: scegliendo il metodo di pagamento (es. con carta di credito o bonifico conto corrente se la propria banca è abilitata al sistema PagoPA), e semplicemente fornendo la propria mail  oppure cliccando su Entra con SPID;

§                                 bonifico banciario (vedi sotto).


Versamento CPEP mediante bonifico
Il soggetto autorizzato  tenuto al versamento del CPEP  potrà effettuarlo, rispettando comunque i termini perentori indicati, anche a mezzo di bonifico bancario.
Sarà quindi suo onere  dare con sollecitudine espressa disposizione alla propria banca affinché siano rispettate - con la valuta riconosciuta al Comune di Firenze - le scadenze  previste onde evitare l’applicazione della Penalità previste dall’art. 46 del vigente Regolamento Comunale per ritardato pagamento (pari al 20% del Canone tardivamente versato).

ATTENZIONE:
Si ricorda che è stato abolito - a seguito dell’approvazione del D. L.gs.  n. 11/2010 con il quale è stata recepita la “Direttiva Europea sui Servizi di Pagamento  n. 2007/64/CE” - il concetto di “valuta fissa beneficiario di un bonifico”.
Per garantire quindi l’accredito a favore del beneficiario è necessario disporlo in tempo utile tenendo conto dei tempi di esecuzione dello stesso da parte della propria banca.
E’ indispensabile quindi informarsi - con anticipo - al fine di evitare un ritardato versamento.

La Causale del bonifico deve indicare unicamente il Codice Avviso che trovate sul modello PagoPA ricevuto a mezzo posta o consegnato direttamente dai nostri uffici.                                

CODICE IBAN per versamento CPEP:

§                                 Per Mezzi Pubblicitari Permanenti e Temporanei o relative Violazioni (diffide ed ingiunzioni): IT42N0760102800001054243942

§                                 Per le sole Violazioni CIMP riferite ad annualità precedenti al 2021: IT 12 K076 0102 80000103 3219 419

Informazioni

REGOLAMENTO - TARIFFE - MODULISTICA

Il REGOLAMENTO COMUNALE SULLE ESPOSIZIONE PUBBLICITARIE E RELATIVO CANONE PATRIMONIALE e le TARIFFE del canone, nonché la modulistica inerente le autorizzazioni, possono essere oggetto di consultazione ed estrazione rispettivamente nella sezione "Allegati" e nella sezione "Modulistica" della presente pagina.

SANZIONI, PENALITA', INTERESSI DI MORA

Per le installazioni pubblicitarie (comprese le insegne) prive dell'autorizzazione è prevista la sanzione amministrativa pecuniaria del 200%.
Per le installazioni difformi dall'autorizzazione, la sanzione è del 100%.
Per omesso o parziale pagamento penalità del 30%, per ritardato pagamento penalità del 20%.
Sugli importi non pagati sono dovuti gli interessi di mora nella misura legale.
Sono altresì applicabili le ulteriori sanzioni amministrative pecuniarie inerenti le violazioni riscontrate.

DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE PENALITA'

E' possibile la definizione in misura ridotta delle penalità per omesso o parziale o tardivo pagamento, sempre che non sia stata contestata e non siano iniziate attività amministrative di accertamento, da parte della Direzione Risorse Finanziarie, e delle quali il soggetto tenuto al pagamento abbia avuto formale conoscenza.
La penale è ridotta al 2% (comprensiva di interessi) se il versamento è eseguito entro 30 giorni dalla data di scadenza prevista.
E' ridotta all'4% (comprensiva di interessi) se il versamento è eseguito oltre 30 giorni, e comunque non oltre un anno, dalla data di scadenza.

AUTOCERTIFICAZIONE PER ALCUNE ESENZIONI E/O AGEVOLAZIONI CPEP

Si ricorda come, per le sole esenzioni del Canone previste dall'art. 41 comma 1 lett. "a" e lett. "o" del vigente Regolamento Comunale SULLE ESPOSIZIONE PUBBLICITARIE E RELATIVO CANONE PATRIMONIALE, così come per le sole agevolazioni del Canone previste dall'art. 42 comma 4, comma 5, comma 6, comma 7, sempre del Regolamento Comunale in questione, il beneficio potrà essere concesso a condizione che venga prodotta alla P.O. Gestione Canoni del Servizio Entrate del Comune di Firenze apposita certificazione formulata a termini di legge. Il modello di Autocertificazione è scaricabile in formato "pdf" nella sezione "Documenti e modulistica" della presente pagina.

SERVIZIO AFFISSIONI E LOCANDINE
Per informazioni riguardanti il Canone patrimoniale esposizioni pubblicitarie (CPEP) relativo al servizio affissioni e all’affissione diretta di locandine si rimanda all’apposito link accessibile dal menù a destra "Schede collegate". Per tali tipologie di esposizioni pubblicitarie infatti l’ufficio competente è lo sportello del servizio pubbliche affissioni presso Servizi alla Strada S.p.A. in Via Veracini n. 5 interno 5 che effettua il seguente orario: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9 alle ore 13, il Martedì e il Giovedì anche dalle ore 14.30 alle ore 16.30 - Telefono 055/4040713

ATTI DI CONTESTAZIONE CIMP
Si ricorda che la normativa di riferimento per gli atti di contestazione (diffide ed ingiunzioni) riferite ad annualità precedenti al 2021 continua ad essere il Regolamento Comunale sulla Pubblicità (Deliberazione n. 27 del 01.04.2019).

Normativa di riferimento

-  Legge n.160 del 27 dicembre 2019  art.1 comma 816 e ss.;
-  “Regolamento Comunale sulle Esposizioni Pubblicitarie e relativo Canone Patrimoniale” approvato con deliberazione n. DC/2021/00013 del 31/03/2021.

Riferimenti e contatti

Ufficio
Direzione Risorse Finanziarie - Servizio Entrate
Referente
P.O. GESTIONE CANONI - Responsabile Dott. Delli Paoli Salvatore
Indirizzo
Via del Parione, 7 - 50123 Firenze
Tel
per informazioni tel. 055 2769502 con orari lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9 alle ore 13 e il giovedì dalle ore 15 alle ore 17
E-mail
canoni.cimp@comune.fi.it

FEEDBACK

La tua opinione è importante

Se vuoi puoi lasciare un commento o un suggerimento per migliorare la scheda che stai consultando. Se invece vuoi fare una segnalazione o un reclamo puoi consultare la sezione "riferimenti e contatti" della scheda stessa e rivolgerti direttamente all'ufficio competente

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *






Servizi