Contributo morosità incolpevole

Descrizione

Si comunica che, ai sensi dell'art.7 dell'Avviso Pubblico “CONTRIBUTI STRAORDINARI PER GLI INQUILINI RICONOSCIUTI MOROSI INCOLPEVOLI AI SENSI DEL DECRETO MINISTERIALE 30 MARZO 2016”, è sospesa la presentazione di nuove domande a partire dal 27 Luglio 2020.

Il contributo morosità incolpevole è diretto a coloro che non hanno potuto sostenere il pagamento del canone di locazione per una causa “incolpevole” e che abbiano ricevuto di conseguenza da parte del locatore l’atto di intimazione di sfratto con contestuale citazione per la convalida.

Per morosità incolpevole si intende la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare” (art. 2.1 D.M. 30/03/2016)

Si tratta di contributi economici volti a prevenire l’esecuzione dello sfratto per morosità, i quali vengono erogati direttamente dal Comune di Firenze ai proprietari degli alloggi.

 

Modalità di richiesta

Le domande verranno accolte fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Si può presentare domanda in qualsiasi momento dell'anno, essendo in possesso almeno di un atto di intimazione di sfratto per morosità con citazione per la convalida.

La domanda può essere presentata in ogni momento e fino ad esaurimento dei fondi.

La modalità di presentazione è online. Il richiedente per presentare domanda dovrà:

1. Scaricare il modulo presente su questa scheda servizi nella barra laterale a destra;

2. Stampare il modulo, compilarlo in ogni sua parte e firmarlo;

3. Scansionare il modulo allegando: il proprio documento di identità; la copia del contratto di locazione registrato; l’estratto conto previdenziale di tutti i membri maggiorenni del nucleo; nel caso di cittadini di Paesi terzi la copia del permesso di soggiorno di tutti i membri del nucleo; la documentazione inerente la causa di morosità incolpevole (es. lettera licenziamento, mancato rinnovo contratto a termine, documentazione medica etc.);

4. Una volta scansionata tutta la documentazione dovrà essere inviata, in un unico file pdf, all’indirizzo e-mail nonerp@comune.fi.it oppure all'indirizzo PEC direzione.servizisociali@comune.fi.it ;

5. Nel caso di invio via mail ordinaria, l’Ufficio, una volta ricevuta la domanda, provvederà ad inviare i dati inerenti la data di presentazione e il numero di protocollo assegnato (entro 5 giorni dalla data di ricezione);

 Dalla data del protocollo, il Servizio Casa ha 30 giorni di tempo per fornire la risposta alla istanza, emanando il provvedimento finale che verrà trasmesso in copia via email al richiedente.

 

Requisiti del richiedente

Il richiedente deve essere in possesso almeno di un atto di intimazione di sfratto per morosità con citazione per la convalida.

I richiedenti dovranno, inoltre, essere in possesso dei seguenti requisiti:

1)   avere un reddito I.S.E. non superiore ad euro 35.000,00 o un valore I.S.E.E. non superiore ad euro 26.000,00;

2)   essere titolari di un contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo regolarmente registrato (con esclusione degli immobili appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9);

3)   essere residente da almeno un anno nell’alloggio oggetto della procedura di sfratto, sito nel Comune di Firenze;

4) avere la cittadinanza italiana, di un paese dell’Unione Europea, ovvero nei casi di cittadini non appartenenti all’Unione Europea, possedere un regolare titolo di soggiorno (tale requisito riguarda tutti i componenti del nucleo familiare);

5) non essere titolare di diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione di immobili a destinazione abitativa e adeguati alle esigenze del nucleo stesso nella provincia di residenza (tale requisito riguarda tutti i componenti del nucleo familiare).

Inoltre, i richiedenti devono possedere almeno una delle seguenti condizioni soggettive, da comprovare con apposita documentazione da allegare alla domanda, quali motivazioni che abbiano causato l’interruzione del pagamento del canone d’affitto:

  1. perdita del lavoro per licenziamento;

  2. accordi aziendali o sindacali con consistente riduzione dell’orario di lavoro;

  3. cassa integrazione ordinaria o straordinaria che limiti notevolmente la capacità reddituale;

  4. mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici;

  5. cessazione di attività libero-professionali o di imprese registrate, derivanti da cause di forza maggiore o da perdita di avviamento in misura consistente;

  6. malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato o la consistente riduzione del reddito complessivo del nucleo medesimo o la necessità dell’impiego di parte notevole del reddito per fronteggiare rilevanti spese mediche e assistenziali;

  7. altri motivi connessi al peggioramento della condizione economica generale

 

N.B. è necessario aver ricevuto la notifica dell’atto giudiziario di intimazione di sfratto e contestuale citazione per la convalida mentre non è sufficiente per presentare domanda la sola lettera di messa in mora

Iter procedura

In presenza di motivi che portino al rigetto della domanda, il Servizio Casa effettua una tempestiva comunicazione via email al cittadino, elencando i motivi di diniego (art. 10 bis, l. 241/1990). Dal momento di invio della email contenente i motivi ostativi all’accoglimento della domanda decorrono 10 giorni entro i quali il richiedente può inviare, rispondendo alla email, documentazione integrativa e osservazioni finalizzate ad evitare il rigetto della richiesta.

Il provvedimento conclusivo del procedimento con il quale il Servizio Casa comunica l’accoglimento o il diniego dell’istanza potrà essere impugnato nelle forme e nei modi stabiliti dalla legge.

Costi

Nessuno

Tempi

Termine del procedimento dalla data di protocollazione della domanda: 30 giorni

Modalità di fruizione

Il contributo in oggetto viene erogato in un'unica soluzione al proprietario degli alloggi.

Il contributo serve a sostentare il nucleo divenuto moroso incolpevole tramite l’erogazione di una somma destinata:

1)alla rinuncia alla procedura di sfratto da parte del proprietario prima della convalida: in questo caso sarà necessario che rimanga in vita il contratto in essere tra locatore e conduttore e che tale contratto abbia una durata residua di almeno due anni. Il Comune di Firenze potrà liquidare direttamente al proprietario una somma nel massimo di euro 8.000,00 a copertura della morosità pregressa oltre che la copertura fino a un massimo di nove mensilità di locazione (per un ammontare non superiore ad euro 9.000,00);

2)Alla stipula di nuovo contratto di locazione a seguito della convalida di sfratto. Tale contratto potrà essere stipulato sia con il vecchio proprietario che con un diverso locatore, per un immobile sito in tutto il territorio nazionale. Il contratto dovrà essere stipulato ai sensi dei vigenti patti territoriali secondo le disposizioni di cui all’art. 2, co. 3, l. n. 431/1998 (c.d. canone concordato). Il Comune di Firenze potrà liquidare al locatore fino ad un massimo di euro 12.000,00 a copertura dei canoni di locazione del nuovo contratto.

3) Al rinvio, previo accordo con il proprietario dell’alloggio, della data di esecuzione del provvedimento di sfratto a mezzo della Forza Pubblica. In tal caso il Comune di Firenze erogherà fino ad un massimo di euro 6.000,00 a copertura dei canoni previsti per le mensilità di rinvio.

N.B.: l’importo erogato viene calcolato sulla base del canone indicato nel contratto di locazione al netto degli oneri condominiali

Come indicato sopra, il contributo può essere utilizzato per vari interventi.

La prima cosa è verificare in che situazione della procedura di sfratto ci si trovi, ossia se vi è stata o meno convalida.

LO SFRATTO NON E’ ANCORA STATO CONVALIDATO: in questo caso si consiglia di informare tempestivamente il proprietario dell’alloggio del positivo esito della pratica di contributo morosità incolpevole e verificare se fosse possibile addivenire ad un accordo con lo stesso per proseguire, nel caso di durata residua contrattuale di almeno due anni, con la locazione. In caso di risposta affermativa il Comune di Firenze potrà liquidare direttamente al proprietario fino ad 8.000,00 a copertura della morosità pregressa e potrà corrispondere i successivi 9 mesi di canone di locazione per una somma non superiore ad euro 9.000,00. Se l’accordo viene raggiunto dovrà essere tempestivamente inviata, sempre con mail a nonerp@comune.fi.it la seguente documentazione, indicando altresì i dati della pratica (nome e cognome beneficiario e numero di protocollo con data del provvedimento di esito positivo):

· Copia dell’accordo di rinuncia alla procedura di sfratto sottoscritto dal locatore e dal conduttore;

· Copia del documento di identità del proprietario dell’alloggio;

· Modulo IBAN compilato e sottoscritto dal proprietario dell’alloggio dove dovranno essere indicati i riferimenti per procedere alla liquidazione del contributo (da scaricare al link sulla barra laterale a destra).

1) LO SFRATTO E’ STATO CONVALIDATO: in questo caso il richiedente per poter utilizzare il contributo dovrà stipulare un nuovo contratto di locazione o con il vecchio proprietario per lo stesso immobile o con un diverso locatore per altro immobile. Il contratto dovrà rispettare i requisiti indicati al punto 2. Una volta stipulato il contratto dovrà essere tempestivamente inviata, sempre con mail a nonerp@comune.fi.it la seguente documentazione, indicando altresì i dati della pratica (nome e cognome beneficiario e numero di protocollo con data del provvedimento di esito positivo):

· Copia del contratto di locazione registrato e corredato dall’attestazione di conformità ai patti territoriali rilasciata da un sindacato competente;

· Copia del documento di identità del proprietario dell’alloggio

· Modulo IBAN compilato e sottoscritto dal proprietario dell’alloggio dove dovranno essere indicati i riferimenti per procedere alla liquidazione del contributo (da scaricare al link sulla barra laterale a destra).

N.B.: il contributo verrà liquidato al proprietario in una unica soluzione nell’importo massimo di euro 12.000,00, calcolato sulla base del canone mensile.

2) LO SFRATTO E’ STATO CONVALIDATO, NON E’ STATO POSSIBILE STIPULARE UN NUOVO CONTRATTO DI LOCAZIONE ED E STATA FISSATA LA DATA DI ESECUZIONE A MEZZO DI FORZA PUBBLICA:

In questo caso sarà necessario richiedere la disponibilità al proprietario di concedere un rinvio della data di esecuzione. In caso positivo potrà essere liquidata una somma a copertura delle mensilità di rinvio, fino ad un massimo di euro 6.000,00.

Se l’accordo viene raggiunto dovrà essere tempestivamente inviata, sempre con mail a nonerp@comune.fi.it la seguente documentazione, indicando altresì i dati della pratica (nome e cognome beneficiario e numero di protocollo con data del provvedimento di esito positivo):

· Copia del verbale di rinvio della data di esecuzione con forza pubblica dove si dà atto dell’accordo intercorso tra le parti;

· Copia del documento di identità del proprietario dell’alloggio

· Modulo IBAN compilato e sottoscritto dal proprietario dell’alloggio dove dovranno essere indicati i riferimenti per procedere alla liquidazione del contributo (da scaricare al link sulla barra laterale a destra).

Una volta ricevuta la documentazione il Servizio Casa dà conferma della ricezione via email e provvede, nei giorni successivi e compatibilmente con le esigenze di servizio, alla emissione del mandato di pagamento. La liquidazione viene disposta dall’ente gestore Casa s.p.a.

Normativa di riferimento

 

D.M. 30/03/2016

(Ministero delle infrastrutture e dei trasporti)

Fondo nazionale destinato agli inquilini morosi incolpevoli, di cui all’art. 6, comma 5 del decreto legge 31 agosto 2013, n. 102, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 ottobre 2013 n. 124

Riferimenti e contatti

Ufficio
Direzione Servizi Sociali - Servizio Casa - P.O. Sostegno all'Abitazione
Referente
Dott.ssa Margherita Tempestini
Responsabile
Dirigente del Servizio Casa Dott.ssa Rosanna Onilde Pilotti
Indirizzo
via dell'Anguillara 21 - 50122 Firenze
Tel
0552769608
Fax
0552769701
E-mail
nonerp@comune.fi.it
Orario di apertura
Attenzione! A causa di problemi tecnici, oggi 27 e domani 28 Ottobre 2020, l'ufficio non potrà essere raggiunto telefonicamente. Per contatti scrivere all'indirizzo nonerp@comune.fi.it.

FEEDBACK



Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *






Servizi