Ricerca e visura pratiche edilizie e condoni

Modalità di richiesta

1. Richiesta di visura DIRETTA pratiche edilizie e condoni
(da utilizzare quando si è a conoscenza del numero di pratica edilizia/condono)

2. Richiesta di RICERCA pratiche edilizie e condoni con successiva eventuale visura (ALLEGARE VISURA STORICA CATASTALE)
(da utilizzare quando NON si è a conoscenza del numero di pratica e si necessita dell'indagine d'archivio da parte dell'ufficio)


Ogni ricerca e/o visura è finalizzata ad una determinata unità immobiliare individuata da: via, numero civico, piano, subalterno e proprietario.

Solo in caso di più subalterni APPARTENENTI ALLA STESSA PROPRIETA' e AFFERENTI ALLO STESSO STABILE è possibile ottenere la visura di tutte le pratiche con una sola domanda.

A fronte di una richiesta di ricerca per una determinata unità immobiliare l'ufficio mette in visura anche tutte le pratiche di natura condominiale.

Le richieste devono essere inviate mediante PEC (posta elettronica certificata) esclusivamente  all'indirizzo visureedilizia.urbanistica@pec.comune.fi.it.
Allegare la documentazione in formato PDF/A e  firma digitale. In caso di firma autografa allegare fotocopia di un documento di identità in corso di validità

NOTA BENE:

Presso la Direzione Urbanistica sono giacenti le pratiche edilizie dal 1974 ad oggi;

I progetti edilizi anteriori al 1974 e le pratiche di abitabilità anteriori al 1978 sono consultabili presso l'archivio storico del Comune di Firenze, via dell'Oriuolo n.33.

Per gli orari di apertura e le modalità di consultazione dell'archivio storico consultare il sito http://wwwext.comune.fi.it/archiviostorico/index.html?pa=intro.html

Per verificare autonomamente l'esistenza di pratiche edilizie per l'immobile di proprio interesse utilizzare, fra  link esterni, il servizio di consultazione pratiche edilizie - piani urbanistici attuativi e l'archivio delle licenza di agibilità, abitabilità e uso da 1954 al 2000.

 

Requisiti del richiedente

La richiesta di ricerca e/o visura può essere presentata dal proprietario, dal professionista incaricato o da altri aventi titolo in base alla vigente normativa sull'accesso alla documentazione amministrativa.

Stante il fatto che l'ufficio invia i documenti in formato digitale alla casella pec mittente la richiesta di ricerca/visura dovrà necessariamente essere presentata a nome dal titolare della casella di posta elettronica certificata mittente che sottoscriverà le dichiarazioni obbligatorie presenti nella modulistica ufficiale (anche ai fini del rispetto della nuova normativa sulla riservatezza dei dati personali) e che prenderà visione della documentazione richiesta.

Documentazione da presentare

In base al tipo di richiesta, è necessario compilare l'apposito modulo scaricabile dalla presente guida tematica e  seguire attentamente quanto indicato sotto la voce “Avvertenze”.

Si raccomanda la massima attenzione nella compilazione della modulistica; in particolare, per le richieste di ricerca, indicare sempre i nominativi dei proprietari (Le banche dati, soprattutto quelle più risalenti, sono strutturate sulla base di tale informazione) ed i vari passaggi di proprietà. Allegare visura storica catastale.
 
La   mancata/errata indicazione di quanto richiesto può inficiare l'attendibilità e l'esaustività dell'esito della ricera ricerca d'archivio. 

Iter procedura

Per le visure dirette l'ufficio, al momento della protocollazione, programma la prima data utile per l'espletamento della visura.

Per le richieste di ricerca, una volta completata l'indagine d'archivio, l'ufficio inoltra un messaggio pec con il risultato della ricerca.

In concomitanza con l'emergenza epidemiologica Covid19, allo scopo di  limitare al massimo la presenza di utenti nella sede e dovendo assicurare comunque la consultazione delle pratiche edilizie, l'ufficio, oltre ad assicurare l'invio tramite pec delle pratiche native digitali, provvede a scansionare le pratiche  in formato cartaceo in modo da assicurarne il  recapito in formato digitale ogni volta che ciò sia possibile.

    Per le pratiche soggette a rilascio saranno oggetto di scansione le seguenti tipologie di documenti:

    provvedimento
    allegati integranti al provvedimento
    eventuali varianti finali, genio civile
    inizio e fine lavori

    Per le autorizzazioni paesaggistiche sarà oggetto di scansione esclusivamente il provvedimento.

    Per le Dia/Scia sarà scansionata la totalità dei documenti.

    Le pratiche archiviate senza esito e quelle concluse con provvedimento di diniego non saranno oggetto di scansione in quanto, generalmente, non rilevanti ai fini della verifica di legittimità dello stato attuale..

In caso di necessità di ulteriori e diverse tipologie di documenti l'utente potrà richiederne la scansione tramite messaggio alla casella pec: visureedilizia.urbanistica@pec.comune.fi.it;

Per le pratiche le cui dimensioni e/o complessità non consentano la scansione, l'ufficio programma un calendario di appuntamenti e convoca il richiedente per la consultazione ed estrazione di copia della documentazione presso l'ufficio.

L'utente ammesso in sala ha l'obbligo di tenere sul tavolo esclusivamente i documenti in consultazione e il materiale di lavoro, che consiste in fogli sciolti, matite e personal computer. Non è consentita l'introduzione di borse, cartelle e altri contenitori.

ATTENZIONE: in caso di impossibilità a presenziare all'appuntamento accordato, l'utente è tenuto ad avvisare gli uffici, con almeno 48 ore di anticipo, scrivendo alla casella pec: visureedilizia.urbanistica@pec.comune.fi.it;

Costi

Richiesta di visura diretta:
 
(da utilizzare quando si è conoscenza del numero di pratica edilizia/condono):  Euro 20,00
(indipendentemente dal numero di progetti richiesti purché riferiti alla stessa unità immobiliare)
 
E' prevista una maggiorazione di Euro 30 per  richiste di Procedura d'urgenza
 
Richiesta di ricerca d'archivio con eventuale, successiva, visura (ALLEGARE VISURA STORICA CATASTALE)
 
(da utilizzare quando NON si è a conoscenza del numero di pratica e si necessita dell'indagine d'archivio da parte dell'ufficio):  Euro 40,00
 

E’ prevista una maggiorazione di  Euro 30 per le richieste di Procedura d'urgenza.

Per i pagamenti a favore della Direzione Urbanistica vedi al link "Modalità di pagamento".

Allegare sempre alla richiesta  l'attestazione dell'avvenuto pagamento. In caso di pagamento on line  allegare la ricevuta di avvenuto pagamento e non la semplice presa in carico da parte della banca.

In base a quanto disposto dalla  Deliberazione della Giunta  n.214/2009 gli enti pubblici che fanno richiesta di visura o ricerca sono esonerati dal pagamento dei diritti; essi sono tenuti al solo  rimborso del  costo di eventuale  riproduzione degli atti.

La richiesta di COPIA CONFORME  è soggetta al pagamento di ulteriori Euro 30,00 a titolo di diritti di segreteria.

PER LA COPIA CONFORME E' prevista inoltre l'imposta di bollo da 16 euro sia sulla domanda che sulla copia che verrà rilasciata.

Qualora la copia conforme da rilasciare superi le 4 facciate, dovrà essere corrisposto il bollo integrativo per ogni 4 pagine (facciate) ulteriori.

Si ricorda quanto disposto dalla L. 147/2013, all’art. 1, comma 592 e comma 593, secondo i quali, sia per le istanze trasmesse per via telematica, che per gli atti rilasciati dalla P.A. per via telematica, l’imposta è dovuta nella misura forfettaria di euro 16,00 a prescindere dalla dimensione del documento.

Dovrà essere corrisposto anche il costo di riproduzione delle copie, nelle seguenti entità:

    formato A4: 0,05 oltre le prime 4 che sono gratuite;
    formato A3: 0,10 oltre le prime 2 che sono gratuite.

Tali ultimi importi verranno liquidati dal richiedente, previa quantificazione da parte dell’Ufficio, all’atto del rilascio.

 

Tempi

I tempi di risposta sono strettamente collegati al numero e alla consistenza delle richieste e possono cambiare nei diversi periodi dell'anno.

Ove l'esame di pratiche edilizie sia funzionale alla stipula di atti notarili, il Notaio incaricato della stessa potrà far pervenire agli uffici una nota attestante l'indifferibilità della stipula al fine di ottenere tempestivamente la documentazione preparatoria.

 

Modalità di fruizione

Consultazione pratiche edilizie e condoni,  estrazione di copie,  rilascio copie conformi.

Ai sensi dell'art. 329 del codice di procedura penale  "Gli atti di indagine compiuti dal pubblico ministero  e dalla polizia giudiziaria sono coperti dal segreto fino a quando l'imputato non ne possa avere conoscenza e, comunque, non oltre la chiusura delle indagini preliminari [...]"

Per questo motivo non sono visionabili, durante una visura edilizia, i verbali di accertamento della Polizia Municipale. Il cittadino dovrà presentare apposita istanza direttamente alla Direzione competente, Piazzale della Porta al Prato 6.
 

 

Informazioni

L'ufficio si trova in Piazza San Martino 2 e riceve solo su appuntamento.

Avvertenze

Nella redazione del modulo per le visure dirette si raccomanda di porre attenzione a non confondere il numero di pratica con il numero dell'atto autorizzatorio; per le comunicazioni opere interne ai sensi dell'art. 26  Legge 47/1985 indicare il numero  di pratica e non il numero di protocollo.

Le pratiche di abitabilita/agibilità sono fascicoli a sè stanti e non si trovano all'interno delle pratiche edilizie. In mancanza del riferimento preciso presentare apposita domanda di ricerca.

Le pratiche di condono sono individuate da una lettera (S, C, A) a seconda del tipo di condono e dal numero di busta:

I condoni depositati ai sensi della L. 47/1985 sono contrassegnati dalla lettera S.

I condoni depositati ai sensi della L. 724/1994 dalla lettera C

I condoni depositati ai sensi della L.R. 53/2004 dalla lettera A. 

L'accesso agli atti dei fascicolo di condono in istruttoria - per i quali la PO Tecnica Condono ha inviato una richiesta di integrazione documentale - è garantito dagli uffici che lo detengono. E' pertanto necessario rivolgersi alla segreteria della PO Tecnica Condono al n. 055/2624519 dal lunedi al venerdi dalle ore 10,00 alle ore 13,00. Tali visure saranno programmate di giovedi, dalle 15,30 alle 16.30. Per maggiori informazioni rivolgersi alla Responsabile dell'ufficio alla casella di posta clara.zocchi@comune.fi.it

 
I depositi ex art. 48 della Legge 47/1985 non sono stati oggetto di registrazione né di archiviazione e non ne è pertanto consentita la consultazione.
 
Le comunicazioni di manutenzioni ordinarie sono consultabili a partire dall'anno 1996.
 
E' opportuno, durante la visura dei fascicoli cartacei, controllare sul'archivio on line - Consultazione pratiche edilizie e piani urbanistici attuativi -l'elenco dei protocolli collegati per individuare eventuali integrazioni native digitali pervenute via pec a partire dall'anno 2010.

Normativa di riferimento

L07/08/1990, n. 241 s.m.i. "Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi"

D.P.R. 12/04/2006 n. 184 "Regolamento recante disciplina in materia di accesso ai documenti amministrativi"

Regolamento sull'accesso agli atti e documenti amministrativi del Comune di Firenze

D.lgs. 196/2003 (codice Privacy), regolamento (UE) GDPR 2016/679 e D. lgs  10 agosto 2018, n. 101

Reclami ricorsi opposizioni

Servizio Amministrativo Urbanistica

Riferimenti e contatti

Ufficio
Servizio Amministrativo Urbanistica - P.O. Archivio e protocollo Urbanistica
Referente
D.ssa Isabella Anna Leonesi
Responsabile
D.ssa Eleonora Cisternino
Indirizzo
Piazza San Martino n.2
Tel
Portineria 055/2624580 (per la richiesta di informazioni utilizzare preferibilmente l'e-mail)
E-mail
Per informazioni: isabella.leonesi@comune.fi.it; Per inoltro domande: PEC visureedilizia.urbanistica@pec.comune.fi.it
Orario di apertura
Vedi alla Voce "Informazioni"

FEEDBACK



Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *






Servizi